[ Vai al contenuto della pagina (Skip Navigation) ]

PARCO NATURALE REGIONALE MOLENTARGIUS-SALINE



In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù Orizzontale [1]
Motore interno ricerca[2]
Menù di Navigazione[3]
Contenuti[4]
Menù della Sezione[5]
[Mappa del sito]
 
Parco Naturale Regionale Molentargius Saline
Ora sei in HOME | ATTIVITÀ · RICERCHE: Biodiversità  vegetale > Conservazione ex situ

MENU' PRINCIPALE

SOMMARIO VERTICALE DELLA SEZIONE

CONTENUTI PRINCIPALI DELLA PAGINA

Conservazione del Germoplasma

Conservazione del germplasma
Dopo poche ore dal prelievo, il germoplasma viene trasferito nei locali della Banca del Germoplasma della Sardegna (BG-SAR), dove si procede alla sua registrazione nel data base indicando: il nome del taxon; il numero di accessioni del lotto, la data di ingresso nella banca, la qualità della pulizia dei semi, la provenienza del lotto, intesa come nome della stazione di raccolta e come codice/nome del raccoglitore, il progetto di riferimento per il quale è stata pianificata ed effettuata la raccolta. Il numero di accessione accompagnerà tutte le schede cartacee, le etichette e le relazioni al fine di poter ricostruire per ogni accessione la propria cronistoria. Le fasi successive sono quelle relative alla preparazione del materiale, che prevede le operazioni di:
  • quarantena: stoccaggio del materiale presso locali isolati ed esterni alla banca al fine di valutarne lo stato fitosanitario prima della sua introduzione nei locali della banca propriamente detti;
     
  • postmaturazione: finalizzata a far acquisire ai semi immaturi la necessaria competenza alla germinazione e ad operare una prima deidratazione;
     
  • pulizia: da foglie, rametti, elementi del frutto etc. La prima fase è quella di separare i semi dagli organi fiorali impiegando un tampone di legno, mentre con la fase seguente si eliminano le impurità residue (come polveri, semi vuoti o abortiti, semi compromessi da insetti e/o intaccati) mediante tecniche di estrazione manuale (pile di setacci), meccanica (una macchina a separazione gravimetrica) od integrando le due.
     
  • analisi del germoplasma raccolto: mediante test qualitativi per accertare e certificare vitalità e germinabilità del materiale. Per ogni accessione, inoltre, vengono effettuate analisi morfometriche finalizzate all'identificazione di parametri quali: diametro medio, minimo e massimo, perimetro, superficie, fattori di forma e colore (RGB). Tali analisi, oltre a consentire una più dettagliata caratterizzazione dell'unità tassonomica in esame, permettono di valutare la qualità del lotto in ingresso alla Banca. Ogni accessione viene valutata dal punto di vista quantitativo, calcolando il peso totale della stessa, il peso medio del seme e di conseguenza il numero di semi puliti.
     
  • deidratazione: fase importantissima e fondamentale per l'esito della conservazione, consiste nell'abbassare il contenuto di umidità del germoplasma sino a percentuali comprese tra 3,5% e 6,5 %, a seconda del contenuto di olii presente nei semi. La deidratazione, e quindi il congelamento, sono possibili solo per specie (dette ortodosse) che la tollerano, a differenza di quelle dette recalcitranti, per le quali la disidratazione del seme propedeutica al congelamento causa la morte dell'embrione;
     
  • imballaggio: possibile utilizzando diverse tecniche, quali provette di vetro chiuse alla fiamma, vials, bustine di alluminio a tre strati, barattoli a tenuta ermetica. Presso le strutture del CCB si utilizza prevalentemente la tecnica dei vials cioè l'inserimento dei semi all'interno di flaconi di vetro di dimensione variabile (da 10 a 50 ml) e successivamente chiusi ermeticamente a pressione con una guarnizione in gomma e guaina in alluminio. Al fine di monitorare il contenuto di umidità all'interno del vials vengono poste delle capsule trasparenti in gelatina con gel di silice microgranulare.
     
  • conservazione: viene effettuata in strutture frigorifere ad una temperatura inferiore a -18 °C. Dal materiale conservato vengono prelevati ogni 5 anni un quantitativo di semi sufficiente (solitamente 100) per la realizzazione dei test di germinazione utili per la verifica della vitalità del materiale conservato, che vengono effettuati sulla base di protocolli individuati, attraverso ricerche bibliografiche in letteratura e algoritmi elaborati da altre Istituzioni (IPGRI, CBNMP e MSB Kew) per famiglie, generi e/o unità tassonomiche affini
Letto: 2801 volte [622  110507 we]
APPROFONDIMENTI e RISORSE

 
 

sezione CHIUSURA PAGINA DEL SITO

Note Legali  | Privacy  | Mappa del sito  | Credits  | Rubrica  | Elenco Siti Tematici  | Press Office  | Facebook;Facebook

© Copyright 2018Consorzio Parco Naturale Regionale Molentargius Saline
I testi e le foto, dove non specificato, sono del Parco Naturale Regionale Molentargius Saline.
E' vietato qualsiasi uso non autorizzato.
Posta Certificata (PEC): posta@pec.parcomolentargius.it
Protocollo: protocollo@parcomolentargius.it
Informazioni Turistiche: infopoint@parcomolentargius.it
Sede: Via La Palma s/n - 09126 Cagliari
Tel. +39 070 379191 - Fax +39 070 37919300 - C.F. 92133380920
W3C Valid XHTML 1.0 Strict W3C CSS Valido! W3C tableless Usiamo database MySQL sito scritto in PHP
Torna su