Vai a sottomenu e altri contenuti

Suggerimenti per una fotografia naturalistica responsabile all'interno del Parco

Data: 23/04/2019
Suggerimenti per una fotografia naturalistica responsabile all'interno del Parco

Diversi utenti hanno segnalato la presenza sui social di immagini della nidificazione in atto dei Fenicotteri, che sembrerebbero effettuate a distanza ravvicinata e da aree non aperte alla libera fruizione.

L'Ente Parco ha cura di trasmettere tali segnalazioni alle autorità di pubblica sicurezza preposte alla Vigilanza Ambientale ed al contrasto penale di questo genere di illeciti e pubblica all'inizio della stagione riproduttiva le norme di comportamento da tenersi per non recare disturbo alla avifauna nidificante.

Nell'ottica di una maggiore sensibilizzazione ed informazione degli amanti della fotografia naturalistica e nell'ottica di una valorizzazione e diffusione del materiale prodotto si ritiene opportuno utile ricordare anche le recenti definizioni riportate nel ''Codice etico della fotografia naturalistica in Sardegna'' elaborato prodotto nell'ambito del progetto LIFE14 NAT/IT/000484 ''Implementation of best practices to rescue Griffon vultures in Sardinia Implementazione di buone pratiche per salvare i Grifoni in Sardegna''[1] di cui si riporta un estratto e a cui si rimanda per un approfondimento:

ART 1 DEFINIZIONI

Il fotografo di natura:

1. è uno studioso della natura che conosce molto bene i suoi soggetti fotografici e i luoghi che intende visitare;

2. antepone lo studio e l'osservazione alla caccia fotografica;

3. realizza i suoi reportage sapendo che possono contribuire alla ricerca ufficiale e diventare documentazione scientifica;

4. conosce la sua attrezzatura alla perfezione e usa il tele obiettivo; posiziona la fotocamera col grandangolo e lo scatto remoto per aver un'inquadratura diversa ma senza arrecare disturbo

5. non scatta foto per ricercare il consenso a tutti i costi;

ART 3 LA CONOSCENZA

a) per potersi approcciare alla natura è necessario avere una conoscenza teorica di quello che si va ad osservare prima di andare sul campo;

b) è opportuno studiare e osservare anche attraverso l'ausilio di un binocolo e pianificare le attività tenendo in considerazione le caratteristiche etologiche della specie e il suo periodo riproduttivo;

ART 4 LA COMUNICAZIONE

Il fotografo naturalista

a) è un comunicatore: attraverso le sue foto, le pagine web, le conferenze, i workshop fa conoscere la natura che ci circonda;

b) è un educatore: tramite la divulgazione delle sue foto, educa e sensibilizza a modelli di conoscenza ambientale e di responsabilità;

c) è un tecnico: conosce il linguaggio fotografico e sa che catturerà l'attenzione degli osservatori solo se le sue foto saranno in grado di trasmettere emozioni;

d) è un appassionato: perché le foto possano cogliere nel segno devono essere autentiche, come ogni animale che è libero di vivere nel suo habitat;

e) è una persona seria che non altera con la post produzione quello che realmente ha fotografato

ART 5 LE COLLABORAZIONI

Il fotografo naturalista è un testimone della natura e anche un profondo conoscitore dei cambiamenti. Dialoga con il mondo scientifico e con gli enti preposti alla conservazione e con le associazioni ambientalistiche locali.

Questo è il corretto approccio alla fotografia naturalistica che l'Ente Parco condivide ed approva: informazione, responsabilità, fotografia.

Link di riferimento

http://www.lifeundergriffonwings.eu/export/sites/default/.galleries/doc-notizie/Codice-etico-per-web.pdf

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Settore Amministrazione Generale
Referente: Gerolamo Grosso
Indirizzo: Edificio Sali Scelti Via la Palma s/n - 09126 Cagliari
Telefono: 070379191  
Fax: 07037919300  
Email: illena.sacconi@parcomolentargius.it
Email certificata:
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto