Vai a sottomenu e altri contenuti

Difesa dell'ambiente

Salvaguardia e tutela

Il Parco è costantemente impegnato in attività di vigilanza e controllo del territorio di sua competenza al fine di garantire la sua salvaguardia e tutela. Le difficoltà sono diverse, e per gestirle al meglio sono state avviate collaborazioni sia con gli Enti istituzionalmente preposti a tali attività, ma anche con società in grado di offrire idee innovative per la sorveglianza del territorio.

Corpo Forestale di Vigilanza Ambientale della Sardegna

Il 1° Aprile 2007 è stata inaugurata nel Parco di Molentargius la Stazione di Cagliari del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Sardegna.
L'obiettivo è quello di assicurare un maggior controllo e una vigilanza più puntuale della giurisdizione di Cagliari, di Elmas, del compendio del Molentargius e della Laguna di Santa Gilla compreso il mare e la costa.

La sede della Stazione è in: Via La Palma s/n presso Edificio Sali Scelti - 09126 Cagliari

Tel/Fax: 070381246

Orario di apertura al pubblico: lun-merc-ven: ore 12:00-13:00

Regolamentazione degli accessi

Le strade del parco sono soggette ad un rilevante flusso di traffico veicolare che pregiudica la conservazione del paesaggio e degli ambienti naturali tutelati, con particolare riguardo alla tutela della flora e della fauna protette e ai rispettivi habitat (art. 26 L.R. n. 5/1999), e crea pericolo all'incolumità delle persone e grave pregiudizio alle strutture pubbliche. Per risolvere questa criticità e garantire la salute e l'incolumità privata, pubblica e dell'ambiente è stata emanata il 23 Giugno l'Ordinanza 'Divieto di transito ai veicoli non autorizzati all'interno del Parco Naturale Regionale Molentargius - Saline e di interruzione del traffico di attraversamento in corrispondenza del confine comunale fra Cagliari e Quartu S. Elena' che mira a scoraggiare l'utilizzo improprio della viabilità principale del Parco come attraversamento alternativo alla viabilità urbana per il collegamento dei Comuni di Cagliari e di Quartu S. Elena. L'ordinanza vieta l'ingresso ai non autorizzati e stabilisce che per tutte le categorie di veicoli autorizzati al transito, la velocità consentita nella viabilità interna del Parco sia limitata ai 20 Km/h. Il provvedimento è stato adottato in accordo con le Associazioni dei rappresentanti dei residenti che hanno espresso parere favorevole.

Divieto di pesca

In riferimento ha quanto prescritto nell'art. 26 commi 1 e 2 lett. a) della Legge istitutiva del parco che vieta 'in generale le attività e le opere che possono compromettere la conservazione del paesaggio e degli ambienti naturali tutelati, con particolare riguardo alla flora e alla fauna protette e ai rispettivi habitat' e 'in particolare vieta la cattura, l'uccisione, il danneggiamento, il disturbo degli animali selvatici', è stata emanata un ordinanza (ordinanza n. 4 del 18 giugno 2008) di divieto della attività di pesca all'interno dell'area del Parco Naturale Regionale Molentargius - Saline.

Misure di sorveglianza contro il bracconaggio nel Territorio del Parco Molentargius-Saline

L'Ente Parco comunica, in ragione dei diversi episodi di pesca di frodo avvenuti ultimamente nel territorio del Parco Molentargius, che sono state ritrovate, all'interno del Parco, diverse attrezzature per la pesca di frodo e, in particolare, numerose reti da pesca, una imbarcazione e attrezzature varie appartenenti a pescatori ignoti.
Grazie ai continui pattugliamenti da parte del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e al costante monitoraggio esercitato dal Servizio Gestione e Presidio del Territorio dell'Ente Parco, i tentativi di bracconaggio, nell'ambito del territorio di competenza dell'Ente Parco, si sono sensibilmente ridotti negli ultimi tempi.
L'Ente Parco, altresì, al fine di ottenere una sempre maggiore salvaguardia del territorio, si avvale della collaborazione dell'Associazione Prociv-Arci e invita la cittadinanza a segnalare costantemente qualsiasi episodio che possa nuocere alla salvaguardia del Parco del Molentargius-Saline.

Al via la fase di test del nuovo sistema di sorveglianza nel Parco Molentargius-Saline

Si arrichisce la collaborazione tra l'Ente Parco Molentargius e il Corpo Forestale di Vigilanza Ambientale, nell'ambito della salvaguardia e monitoraggio del territorio del Compendio del Parco Molentargius, grazie al nuovo sistema di sorveglianza progettato dall'Ente Parco, attualmente in fase di test.
Il sistema, ideato dal 2009, è dislocato in tutto il territorio del Compendio ed è composto da 9 postazioni, che andranno ad aggiungersi a quelle esistenti. Alla fine della fase di testing e di collaudo l'Ente Parco prevede di collegare la Stazione del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, presente presso l'Edificio Sali Scelti, con il sistema di videosorveglianza. Attraverso questa collaborazione il Corpo Forestale avrà a sua disposizione un ulteriore strumento per tutelare il paesaggio, la fauna, la flora e prevenire i reati connessi agli incendi e allo smaltimento illegale dei rifiuti.
La salvaguardia del territorio grazie all'opera di presidio del Corpo Forestale, da sempre chiamato ad un'impegnativa e incisiva azione di tutela del patrimonio ambientale, potrà perciò avvalersi dell'utilizzo di queste nuove postazioni, a tutto vantaggio della tutela del territorio del Molentargius e dei residenti dell'Area del Parco.