Vai a sottomenu e altri contenuti

Circolazione Idrica delle Acque Dolci

Circolazione Idrica Acque Dolci

L'attuale circolazione idrica delle acque dolci è il risultato dei lavori di risanamento eseguiti nell'ambito del Programma di Salvaguardia per garantire l'approvvigionamento idrico degli stagni del Bellarosa Minore e del Perdalonga, una volta eliminati gli scarichi fognari, tramite l'immissione artificiale di acque aventi caratteristiche di quantità e qualità ottimali per il raggiungimento dell'equilibrio dell'ecosistema.

ll delicato sistema costituito da condotte, canali e stazioni di sollevamento prevede l'intercettazione di parte delle acque depurate ad uno stadio secondario dal Depuratore Consortile di Is Arenas ed il loro invio all'impianto di Ecosistema Filtro che assume un ruolo centrale nel nuovo regime idraulico del Molentargius.

Nell'Ecosistema Filtro le acque subiscono un processo di affinamento che garantisce una successiva alimentazione idrica agli stagni con acque di qualità migliore e portata simile rispetto al passato. Le acque affinate vengono inviate tramite una stazione di sollevamento agli stagni del Bellarosa Minore e del Perdalonga.

L'alimentazione al Bellarosa Minore è realizzata tramite una condotta in pressione che invia le acque negli stessi punti di originaria immissione delle acque dolci inquinate provenienti dagli abitati limitrofi in prossimità dei Rii Mortu, Selargius e Is Cungiaus, in modo da modificare il meno possibile lo schema idraulico naturale dello stagno del Bellarosa Minore e mantenendo le condizioni che hanno reso possibile lo sviluppo della vegetazione e l'instaurarsi di numerose specie faunistiche protette.
Il Perdalonga è invece alimentato in due punti e l'acqua prima di raggiungere il luogo di recapito finale attraversa i laghetti artificiali presenti nelle aree verdi del Parco.