Vai a sottomenu e altri contenuti

Schede Uccelli

Cormorano

Nome: Cormorano

Ordine: Pelecaniformes
Famiglia: Phalacrocoracidae
Genere e specie: Phalacrocorax carbo

Nome inglese: Great Cormorant
Nome sardo: Crobu anguidhàrgiu

Status: Svernante regolare

Descrizione: Colorazione nel complesso nera con riflessi bluastri o verdastri. Bianco all'altezza della coscia ed alla base del becco. Del bianco anche sul vertice e ai lati del collo. Zampe nerastre, iride verde e becco grigio. Sessi simili.

Habitat: Zone umide d'acqua dolce o salmastre, dalle lagune ai bacini artificiali montani e urbani.

Conservazione: è minacciato dalla distruzione dell'habitat di nidificazione; da disturbi antropici; dall'inquinamento delle acque in aree di alimentazione; dalla contaminazione da idrocarburi clorurati e da metalli pesanti; dalle uccisioni illegali; dall'abbattimento autorizzato di svernanti e riproduttori per danni all'ittiocoltura.

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Bonn All. II; Lista rossa: in pericolo.

Cormorano - Paolo Nurchis

Nitticora

Nome: Nitticora

Ordine: Ciconiiformes
Famiglia: Ardeidae
Genere e specie: Nycticorax nycticorax

Nome inglese: Night-heron
Nome sardo: Menganièdha

Status: Migratrice regolare, nidificante Descrizione: Airone di medie dimensioni, dalla struttura tozza e arrotondata, capo relativamente grosso e becco corto; appare complessivamente grigio tenue, con il vertice nero lucido. Zampe rossastre, becco nero ed iride rossa

Habitat: zone umide con canneti e pioppeti; nidifica in boschi e garzaie

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; da disturbi antropici; dalla collisione con linee elettriche; da uccisioni illegali

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II

Nitticora - Gigi Demontis

Sgarza ciuffetto

Nome: Sgarza ciuffetto

Ordine: Ciconiiformes
Famiglia: Ardeidae
Genere e specie: Ardeola ralloides

Nome inglese: Squacco Heron
Nome sardo: Menghixedda groga

Status: Migratrice regolare, nidificante

Descrizione: Airone di dimensioni medio-piccole; colorazione complessivamente fulvo-dorata, più scura sul dorso; ali e coda candide. Sul vertice un ciuffo di lunghe penne bianco-nere, ricadenti sul dorso. Zampe da rosse a giallo-rosate; becco da blu a turchese con apice nero.

Habitat: zone umide con canneti

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e frammentazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; da disturbi antropici; da contaminazione da pesticidi; dalle uccisioni legali.

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Lista Rossa: vulnerabile; L. R. 23/98

Sgarza ciuffetto - Ignazio Contu

Airone guardabuoi

Nome: Airone guardabuoi

Ordine: Ciconiiformes
Famiglia: Ardeidae
Genere e specie: Bubulcus ibis

Nome inglese: Cattle Egret
Nome sardo: Menga

Status: Migratore, nidificante

Descrizione: Piccolo airone dal corpo piuttosto tozza per zampe, collo e becco relativamente corti. Complessivamente bianco, con ciuffi di penne fulvo-arancio sul vertice ed alla base del collo. Becco e zampe giallastri

Habitat: zone umide interne e costiere

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione; da disturbo venatorio durante lo svernamento; dall'uso di pesticidi in agricoltura;da uccisioni illegali

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; CITES App. I; Lista Rossa: vulnerabile

Airone guardabuoi - Gigi Demontis

Garzetta

Nome: Garzetta

Ordine: Ciconiiformes
Famiglia: Ardeidae
Genere e specie: Egretta garzetta

Nome inglese: Little Egret
Nome sardo: Menghixedda

Status: Migratrice, nidificante

Descrizione: Airone totalmente bianco, di media grandezza; becco relativamente lungo, dritto e nero. Zampe alte e nere tranne i piedi totalmente gialli.

Habitat: saline, stagni, coltivi, rive di fossati.

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; da disturbi antropici durante la nidificazione; dalla collisione con linee elettriche; dal disturbo venatorio durante lo svernamento.

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; CITES App. I, L. R. 23/98

Garzetta - Paolo Nurchis

Airone rosso

Nome: Airone rosso

Ordine: Ciconiiformes
Famiglia: Ardeidae
Genere e specie: Ardea purpurea

Nome inglese: Purple Heron
Nome sardo: Ménga arrubia

Status: Migratore regolare, estivante

Descrizione: Grande airone con la colorazione bruno scura, ma solo da vicino appare il caratteristico disegno rossastro e nero della testa e del collo. Becco giallo brunastro e zampe brune

Habitat: Nidifica in zone umide d'acqua dolce con fragmiteto e tifati maturi, nonché in macchie di tamerici

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; da variazioni livello acque in periodo riproduttivo; da disturbi antropici; dalla collisione con linee elettriche ed elettrocuzione; da incendi primaverili nel canneto;dall'inquinamento delle acque

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Bonn All. II

Airone Rosso - JuzaPhoto

Fenicottero

Nome: Fenicottero

Ordine: Phoenicopteriformes
Famiglia: Phoenicopteridae
Genere e specie: Phoenicopterus roseus

Nome inglese: Greater flamingo
Nome sardo: Mangoni, Genti arrubia

Status: Migratore, erratico, nidificante

Descrizione: lunghezza totale fino a 2 m; apertura alare fino a 180 cm; tarso da 25 a 37 cm.
Peso da 2 a 4 kg; i maschi sono generalmente più grandi delle femmine. Il colore varia dal bruno nei giovani al bianco rosato fino al rosa acceso negli adulti. La ali hanno le copritrici rosse.

Habitat: saline, stagni, paludi

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; da variazioni livello acque in periodo riproduttivo; da disturbi antropici durante la nidificazione; dalla presenza di cani randagi nei siti riproduttivi; da un incremento di Larus cachinnans; dalla collisione con linee elettriche ed elettrocuzione

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Bonn All. II; Part. prot 157/92; L. R. 23/98.

Fenicottero - Gigi Demontis

Volpoca

Nome: Volpoca

Ordine: Anseriformes
Famiglia: Anatidae
Genere e specie: Tadorna tadorna

Nome inglese: Common shelduck
Nome sardo: Anadiéra

Status: Migratrice regolare, nidificante

Descrizione: anatra di medie dimensioni, di struttura più simile a quella di un'oca poiché presenta corpo tondeggiante e per il collo e le zampe relativamente lunghi. Aspetto complessivo bianco e nero, con capo e collo verde cupo; fascia castana che avvolge il corpo all'altezza del petto. Zampe rosa e becco rosso brillante che, nel maschio, in primavera presenta alla base un rigonfiamento dello stesso colore. Nella femmina dimensioni minori e colori meno brillanti.

Habitat: Zone umide costiere salmastre; localmente in bacini d'acqua dolce

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e svernamento; da uccisioni illegali; da disturbi antropici; dalla presenza di cani randagi nei siti riproduttivi.

Protezione: Berna All. II; Bonn All. II; Part. prot 157/92; Lista rossa: in pericolo.

Volpoca - JuzaPhoto

Moriglione

Nome: Moriglione

Ordine: Anseriformes
Famiglia: Anatidae
Genere e specie: Aythya ferina

Nome inglese: Common pochard
Nome sardo: Caburussu

Status: Migratrice regolare, nidificante

Descrizione: Anatra tuffatrice di media grandezza e di struttura compatta; corpo grosso e ali relativamente corte. Il maschio è facilmente riconoscibile per il capo ed il collo castani con il corpo grigio cenere ed il petto nero. La femmina presenta una colorazione generale piuttosto uniforme e poco marcata.

Habitat: zone umide salmastre o d'acqua dolce, costiere o interne; paludi, stagni.

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di riproduzione e alimentazione; da disturbi antropici durante la nidificazione; dalla presenza di cani randagi nei siti riproduttivi; da contaminazione da metalli pesanti.

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. II/1, III/2; I; Berna All. III; Bonn All. II

Moriglione - JuzaPhoto

Pollo sultano

Nome: Pollo sultano

Ordine: Gruiformes
Famiglia: Rallidae
Genere e specie: Porphyrio porphyrio

Nome inglese: Purple Gallinule
Nome sardo: Puddoni

Status: dispersivo irregolare; nidificante

Habitat: zone umide costiere d'acqua dolce o salmastra

Conservazione: è minacciato da distruzione, trasformazione e frammentazione dell'habitat di riproduzione e alimentazione; uso di pesticidi; disturbo antropico; collisione con linee elettriche; uccisioni illegali; presenza di cani randagi e in attività di caccia; presenza della Nutria Myocastor coypus; presenza di gatti randagi; presenza di reti da pesca; inquinamento genetico

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I Sp. Prioritaria; Berna All. II; Bonn All. II; Part. prot 157/92; L. R. 23/98; Lista rossa: Vulnerabile

Pollo Sultano - Paolo Nurchis

Folaga

Nome: Folaga

Ordine: Gruiformes
Famiglia: Rallidae
Genere e specie: Fulica atra

Nome inglese: Common Coot
Nome sardo: Puliga

Status: migratrice regolare, nidificante

Descrizione: Corpo tondeggiante, con coda corta e testa relativamente piccola; piumaggio di color grigio ardesia; placca frontale e becco bianchi

Habitat: zone umide di varia natura e composizione, con acque ferme dolci o salmastre

Conservazione: è minacciato dalla distruzione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; presenza della Nutria (Myocastor coypus) nei siti riproduttivi; incendio nel canneto; da variazioni livello acque in periodo riproduttivo

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Bonn All. II

Folaca - Thomas Hochebner

Cavaliere d'Italia

Nome: Cavaliere d'Italia

Ordine: Charadriiformes
Famiglia: Recurvirostridae
Genere e specie: Himantopus himantopus

Nome inglese: Black-winged Stilt
Nome sardo: Tzurrullinu, tzurrulliu

Status: Migratrice regolare , dispersiva, nidificante

Descrizione: Limicolo con zampe molto lunghe rispetto al corpo, collo allungato, becco lungo, sottile e dritto; Colorazione del piumaggio complessivamente nera e bianca. Zampe vistosamente colorate.

Habitat: saline, stagni, lagune Conservazione: è minacciata dalla distruzione, frammentazione e trasformazione dell'habitat di nidificazione e alimentazione; da variazioni livello acque in periodo riproduttivo; da disturbi antropici durante la nidificazione; dalla predazione di uova e pulli da parte di ratti, cani randagi, corvidi e Larus michahellis, dalla collisione con linee elettriche; da disturbo antropico, uccisioni illegali.

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Bonn All. II; Part. prot 157/92; L. R. 23/98.

Cavaliere d

Avocetta

Nome: Avocetta

Ordine: Charadriiformes
Famiglia: Recurvirostridae
Genere e specie: Recurvirostra avosetta

Nome inglese: Pied Avocet
Nome sardo: Filìpa, paisànu

Status: Migratrice regolare , dispersiva, nidificante

Descrizione: Limicolo con zampe, collo e becco piuttosto lunghi; quest'ultimo sottile e rivolto verso l'alto. Colorazione del piumaggio bianco-nera.

Habitat: saline, stagni, paludi

Conservazione: è minacciata dalla distruzione, frammentazione e trasformazione dell'habitat di nidificazione, alimentazione e svernamento; da variazioni livello acque in periodo riproduttivo; da disturbi antropici durante la nidificazione; dalla predazione di uova e pulli da parte di ratti, cani randagi, corvidi e Larus michahellis, dalla collisione con linee elettriche; da disturbo antropico.

Protezione: Dir. Uccelli CEE. All. I; Berna All. II; Bonn All. II; Part. prot 157/92; L. R. 23/98.

Avocetta - Filippo Melis

Alzavola

Anatra di superficie di piccole dimensioni (35 cm) che si alza e vola rapidamente (sino a 90 km/h); il maschio ha testa e gola castane con una larga fascia verde che si estende dagli occhi sino alla nuca; il corpo è grigio macchiettato con una striscia bianca orizzontale sulle scapolari, il sottocoda crema e lo specchio alare verde-nero; le femmine sono di un colore marrone scuro e hanno anche loro lo specchio alare verde.
Specie migratrice e ospite (agosto/settembre-marzo/aprile); a Molentargius frequenta soprattutto gli habitat d'acqua dolce (Bellarosa Minore, Ecosistema Filtro, Perdalonga, sa Gora), ma anche le praterie di alofite (Salicornia, Obione), dove si nutre di semi e di invertebrati. La popolazione svernante (gennaio) negli anni '70 del secolo scorso superava regolarmente i 2.000 individui con punte massime di 2.510 esemplari nel 1971; durante l'ultimo decennio si è registrato un sensibile calo progressivo delle presenze invernali (gennaio), con valori inferiori a 500 esemplari; i primi migratori arrivano già nel mese di luglio e la risalita avviene tra marzo e aprile; le Alzavole che trascorrono il periodo invernale in Sardegna provengono dai paesi mitteleuropei, scandinavi e dalla Russia. In diversi anni questa piccola anatra è risultato estivante e nel 1986 una coppia ha nidificato con successo a Bellarosa Minore (unico caso di riproduzione per la Sardegna). Parzialmente protetta (specie cacciabile in Sardegna).
Tra le anatre di superficie, l'Alzavola è una delle specie più abbondanti a Molentargius.

Testo di Helmar Schenk

Alzavola - Alessandro Borgogno

Airone bianco maggiore (Egretta alba)

Airone di grandi dimensioni (90 cm), leggermente più grande dell'Airone cenerino; il piumaggi è bianco candido, il becco giallo e le lunghe zampe nere; nel periodo riproduttivo si notano le eleganti penne ornamentali delle scapolari che all'inizio del '900 erano ancora più ricercate dalla moda femminile di quelle della Garzetta. La persecuzione a scopo commerciale portò l'Airone bianco maggiore nei paesi balcanici sull'orlo dell'estinzione. Grazie alla tutela legale a livello europeo, questo elegante ardeide ha recuperato la sua consistenza numerica, colonizzando anche nuovi paesi, tra cui l'Italia. In Sardegna è regolarmente estivante e svernante e molto probabilmente sarà da annoverare, nel prossimo futuro, tra i nuovi ''immigrati'' dell'avifauna nidificante della Sardegna. Specie migratrice e ospite, spesso associata ad altri ardeidi e Spatole. Sverna con punte massime di 74 esemplari censiti nel mese di ottobre del 2007 nello Stagno di Molentargius, sia nelle acque dolci che nelle saline; i primi individui arrivano a luglio, la maggior parte in ottobre/novembre e in marzo/aprile ci lasciano per raggiungere le zone di nidificazione (Balcani); qualche individuo rimane anche in estate e frequenta regolarmente la garzaia di Is Arenas. Si nutre di pesci di piccole e medie dimensioni e di invertebrati. Particolarmente protetto. Allegato 1 Direttiva Uccelli.

Testo di Helmar Schenk

Airone Bianco Maggiore - Phil Bendle

Airone cenerino (Ardea cinerea)

Ardeide di grandi dimensioni (88 cm), inconfondibile per il piumaggio grigio chiaro con delle strisce nere post-oculari. Il becco lungo e affilato è giallo (scuro nei giovani ed immaturi); le zampe beige; ciuffo di penne nere; scapolari ornamentali bianche; in volo il collo viene piegato a forma di''S'', come in tutti gli ardeidi. L'Airone cenerino è una delle specie più frequenti nel Parco naturale di Molentargius Saline. Specie migratrice e ospite; la popolazione svernante (novembre-gennaio) a Molentargius supera spesso i 100 esemplari, con punte massime di 223 rilevati nel mese di ottobre del 2007. I primi cenerini arrivano in luglio, la grande ''massa'' in novembre; la ''risalita'' verso le zone di nidificazione (Italia del nord, paesi mitteleuropei e dell'est, Scandinavia) inizia in febbraio e si protrae sino ad aprile/maggio; regolarmente estivante; nella garzaia del Canale di Is Arenas sono stati osservati tentativi di nidificazione durante gli ultimi anni. Si nutre di pesci di piccole e medie dimensioni, ma anche di rettili, anfibi ed invertebrati; frequenta acque dolci, salmastre e salate ed è particolarmente abbondante nel Bellarosa maggiore dove si trova un grande dormitorio nell'Isolotto Fenicotteri, sotto Monte Urpinu. Protetto.

Testo di Helmar Schenk.

Airone cenerino - Gigi Demontis

Falco di palude (Circus aeruginosus)

E' un rapace di medie dimensioni (48-55 cm). Generalmente la femmina è sensibilmente più grande del maschio (sino al 15%); il maschio adulto è caratterizzato da un piumaggio castano scuro e da una coda di color grigio uniforme; remiganti secondarie ugualmente grigie, in netto contrasto con le primarie nere; le femmine e i maschi non adulti presentano un colore bruno scuro con testa e spalle crema. Le zampe sono relativamente lunghe e gialle.
Il Falco di palude è la specie più frequente tra i rapaci che si possa osservare nel Compendio del Molentargius.
Specie sedentaria e nidificante (raro), migratrice e ospite; le singole coppie nidificano irregolarmente nei vasti canneti del Bellarosa minore e del Perdalonga.
Nel periodo invernale il numero dei Falchi di palude aumenta e raggiunge qualche decina di individui con punte massime di 45 esemplari in ottobre; si nutre di prede vive, prevalentemente uccelli (sino alla dimensione di una Folaga), e non disdegna le carogne.
E' una specie particolarmente protetta.

Testo di Helmar Schenk

Falco di palude - S. Perra

Fratino (Charadrius alexandrinus)

Limicolo di piccole dimensioni (16 cm), poco più grande di un Passero sardo; questa bellissima specie presenta le parti superiori di colore beige sabbia e le parti inferiori bianche. Le zampe e il becco sono neri, di dimensioni relativamente corte. La fronte è bianca sovrastata da una striscia nera e dal vertice del maschio rossiccio (solo in periodo riproduttivo), mentre il petto presenta due macchie nere laterali.
Corre velocemente lungo le spiagge e sembra una palla di Posidonia oceanica, trasportata dal vento.
Specie prevalentemente sedentaria e nidificante migratrice e ospite;
In passato (1993), ha raggiunto quasi le 50 coppie nidificanti a Molentargius; negli ultimi anni si sono riprodotte circa 20-30 coppie, soprattutto in relazione alla disponibiltà di terre emerse delle Saline di Quartu, dove nidifica generalmente in singole coppie, talvolta anche all'interno di colonie miste di laro-limicoli (Sterna comune, Fraticello, Gabbiano roseo, Avocetta).
E' una specie protetta.

Testo di Helmar Schenk

Fratino - S. Perra

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto