Vai a sottomenu e altri contenuti

Mammiferi

Riccio (Erinaceus europaeus)

Nelle zone più aride del Parco trova l'habitat ideale il Coniglio selvatico Oryctolagus cuniculus huxleyi, dove è presente anche il Riccio (Erinaceus europaeus italicus).

Recentemente è stata avvistata la Donnola (Mustela nivalis boccamela).

Durante le notti estive fanno la loro comparsa i Pipistrelli.


Specie alloctone

Tra le specie 'aliene' presenti nel parco, da segnalare la presenza della Nutria (Myocastor coypus), roditore acquatico importato in Europa dal Sudamerica nei primi decenni del secolo scorso come animale da pelliccia. Il roditore ormai ha invaso le campagne di buona parte della Sardegna, in particolare i corsi d'acqua del Campidano, così diffusa in certe zone da devastare le colture.

Nutria

Nutria - Alessia Atzeni

La Nutria Myocastor coypus è un roditore originario del Sudamerica e delle zone temperate del Cile e dell'Argentina. E' stata introdotta nel Nord America, in Asia, in Africa, in Europa occidentale e in Inghilterra, per la produzione di pellicce.
In Italia l'allevamento della Nutria per la produzione della pelliccia (castorino) ha conosciuto una vasta diffusione attorno agli anni '70-'80. In seguito gli allevamenti, non più redditizi, sono stati dismessi: le Nutrie, fuggite dalla cattività o liberate, si sono ambientate ed in pochi anni hanno colonizzato tutta la Penisola.

Ora è facile incontrarla in numerose zone umide e lungo i corsi d'acqua di molte regioni italiane. In Sardegna si è diffusa al centro e al Sud dell'Isola. A Molentargius è presente dal 2006, quando è stata osservata per la prima volta nella zona dell'Ecosistema Filtro (Atzeni-Castangia, 2006).
Essendo un erbivoro non attacca gli altri animali, tuttavia se disturbata o spaventata, come tutti i selvatici può risultare pericolosa anche per l'uomo.

In allegato alcune notizie utili sulla Nutria e su come comportarsi in caso di incontro con questo animale che ora appartiene alla Fauna italiana.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
La Nutria - Informazioni e consigli Formato pdf 1052 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto