Vai a sottomenu e altri contenuti

Fauna

MONITORAGGIO DELL'AVIFAUNA PRESENTE NEL PARCO NATURALE REGIONALE MOLENTARGIUS SALINE - Risultati preliminari delle specie nidificanti coloniali e non coloniali nella stagione riproduttiva 2015

Il monitoraggio dell'avifauna interessa le aree ricomprese nel perimetro del Parco Naturale regionale Molentargius Saline, ed ha come obiettivo l'acquisizione e l' aggiornamento degli indicatori funzionali alla gestione e conservazione delle risorse faunistiche.

Il monitoraggio riguarda tutte le specie ornitiche presenti all'interno dell'area Parco con particolare riferimento a quelle elencate nell'Allegato I della Direttiva 2009/147/CE, a quelle a status di conservazione sfavorevole a livello nazionale e le specie migratrici non menzionate nel suddetto Allegato regolarmente presenti nell'area.

Per quanto riguarda in particolare le specie nidificanti il periodo di campionamento è stato fra marzo (prime osservazioni a distanza per verifica insediamento delle diverse specie) e agosto (ultimi controlli per deposizioni tardive o per conteggio colonie dopo la nidificazione: es. ardeidi). I metodi utilizzati sono stati le osservazioni a distanza, portate avanti con frequenza almeno quindicinale , e gli ingressi in colonia in numero dipendente dalle caratteristiche ecologiche delle specie;

L'obiettivo del monitoraggio è di stimarne la consistenza, distribuzione e, quando possibile, la produttività e/o il successo riproduttivo, identificare i fattori di pressione/minaccia o fattori limitanti in grado di incidere sul successo riproduttivo delle specie.

Come per gli anni precedenti la consistenza numerica è stata indicata come numero di coppie, differenziando le specie che prediligono ambienti d'acqua dolce da quelle che prediligono ambienti salini. I valori sono riportati nella Tabella allegata.

Dal confronto con i dati relativi alle stagioni riproduttive del biennio 2013-2014 emerge che il numero di coppie presenti nelle saline e negli ambi delle acque dolci si sono mantenute sostanzialmente stabili.

A breve saranno disponibili anche i dati relativi alle specie presenti nei bacini del Perda Bianca e Bellarosa Maggiore e nel canale

R.S.F.

Folaghe

13th MEDMARAVIS Pan-Mediterranean Symposium

In occasione del 13th MEDMARAVIS Pan-Mediterranean Symposium svoltosi ad Alghero, nel Parco di Porto Conte tra il 14 ed il 17 Ottobre del 2011, e dedicato in particolare alla biologia degli uccelli marini, è stato pubblicato un articolo relativo alle nidificazioni del Fenicottero in Sardegna dal 1993 al 2011.

Autori:
Sergio Nissardi**, Carla Zucca**, Pierfrancesco Murgia, Alessia Atzeni*

*Parco Naturale Regionale Molentargius Saline

**Società ANTHUS s.n.c.

In allegato l'articolo completo e i link d'interesse

Colonia Fenicotteri

Censimenti della fauna nel Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline (Sardegna).

Pubblicati sul periodico del Museo delle Scienze di Trento - Studi trentini di Scienze naturali - gli atti del XIX Convegno del Gruppo per l'Ecologia di Base G. Gadio. ''Il Ruolo delle Aree Protette per la tutela della Biodiversità'' 21-23 maggio 2010, Olbia.
Negli atti figurano diversi lavori presentati dai tecnici del Parco tra cui: ''Censimenti della Fauna nel Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline. La breve nota, scritta con il contributo anche di alcuni collaboratori esterni, riporta i primi risultati sugli studi relativi fauna dell'Area protetta che, ad esclusione della classe degli Uccelli, sono stati condotti in questo ecosistema per la prima volta in assoluto.

Aree protette

Avifauna

In tutto il territorio del Parco gli uccelli vengono monitorati al fine di determinare le specie presenti nell'arco di un anno (migratori, ospiti, stanziali) ed il successo riproduttivo di quelle nidificanti tra gli acquatici. Viene inoltre eseguita la lettura degli anelli dei fenicotteri. Il monitoraggio avviene tramite censimenti della comunità degli uccelli acquatici nel Bellarosa Minore, nei Canali di deflusso, nell'ecosistema filtro, nel Perdalonga, nel Bellarosa Maggiore, nel Perdabianca e nelle Saline di Quartu. In particolare vengono svolti:
Censimenti degli uccelli acquatici (migratori e ospiti);
Censimenti della comunità degli uccelli acquatici nidificanti (Non Passeriformes) con riferimento ad una griglia di 85 quadrati di 500 m di lato;
Censimento qualitativo di tutta l'avifauna presente nell'area di studio.
Per le specie non coloniali (censite in aree campione o lungo transetti lineari), si è proceduto alla conta degli adulti alla guida dei pulcini, alla registrazione di ripetuti contatti acustici e al censimento/stima della popolazione non nidificante. I censimenti dei nidificanti, a seconda delle specie, vengono effettuati tramite conteggio dei nidi da debita distanza, oppure direttamente, o tramite conta dei nidi in aree campione, o anche tramite stima. Per tutti i censimenti degli uccelli acquatici sono stati utilizzati metodi standardizzati (Bibby et al., 1995; Brichetti & Gariboldi, 1997), con l'ausilio di strumenti ottici (cannocchiale 27-80x80 mm; binocoli prismatici 8x42). Viene inoltre condotta la lettura degli anelli dei fenicotteri. Tale attività è molto importante per seguire la dinamica della popolazione europea di questa specie, soprattutto dopo la colonizzazione dei siti sardi (Molentargius e Santa Gilla) e l'avvio, anche in tali siti, delle campagne di inanellamento dei pulcini. L'inanellamento degli uccelli è infatti, uno strumento molto importante per la ricerca scientifica e la gestione delle zone umide. La lettura viene effettuata con un cannocchiale 60X a una distanza tale da non disturbare gli animali.

Ittiofauna

L'Ente Parco organizza e realizza studi relativi al monitoraggio del popolamento ittico negli stagni del Bellarosa Minore, Perdalonga, Bellarosa Maggiore, Perdabianca e nell'ecosistema filtro.
Il monitoraggio del popolamento ittico consiste in campagne di prelievo semestrali finalizzate alla definizione della composizione della comunità ittica, alla determinazione dei principali parametri biologici (lunghezza, peso) e stato di salute degli individui (con particolare riferimento alla presenza di parassitosi) e alla valutazione della biodiversità.
Gli studi si inseriscono all'interno di un periodo di monitoraggio e servono ad individuare criticità ed eventuali impatti a seguito di eventi accidentali e contribuiscono a capire l'evoluzione dell'ambiente. Per tale motivo è stato mantenuto un senso logico di prosecuzione delle attività iniziate nel 2004, conservando il più possibile invariati i punti di prelievo e le tempistiche di campionamento.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Tabella specie nidificanti 2015 Formato pdf 49 kb
medmavaris link Formato htm 35 kb
Medmavaris Proceedings Formato pdf 1417 kb
Censimenti della fauna nel Parco regionale del Molentargius Formato pdf 174 kb